Amaranto da incubo

Tutti sanno, ma nessuno lo confesserebbe mai apertamente, che le cuoche, sia di professione che per diletto, sono gelosissime delle loro ricette.
In fondo un po’ le capisco.
Una passa la vita a fare esperimenti in cucina per migliorare o dare un tocco in più alle proprie pietanze, sporca una quantità assurda di tegami e recipienti, a volte si scotta o si taglia sbadatamente le dita..
E’ ovvio che non sia molto motivata a confidare i segreti del proprio successo alla prima venuta, soprattutto se non può offrire un’adeguata ricompensa dello stesso genere.
Poi si sa, noi donne siamo estremamente competitive, e spesso, piuttosto che condividere con un’altra del nostro stesso sesso lo scettro di regina del fornello o qualsiasi altro primato, saremmo disposte a farci asportare a vivo la cistifellea.

Io personalmente non condivido questo atteggiamento, per motivi tutt’altro che nobili e che non spiegherò, ma qualche giorno fa mi sono imbattuta nell’esemplare telematico di questa tipologia di donne: la foodblogger che pubblica la ricetta con un pezzo mancante.

Quella sera, avevo un disperato bisogno di mangiare qualcosa di allineato con la mia dieta. Infatti, dopo una settimana in viaggio in un paese inospitale per i portatori sani di intolleranze alimentari, dovevo disperatamente rimettermi in carreggiata.
Quindi ho pensato: “cosa c’è di più salutare dell’amaranto?”. In realtà, non volevo aggiungerlo come al solito al minestrone o alla zuppa di verdure, volevo cambiare. Così ho cercato in internet qualcosa di diverso e mi sono imbattuta in una ricetta che mi avrebbe teoricamente consentito di ottenere uno sformato di amaranto e verdure.

Ho seguito la ricetta passo per passo: ho cotto l’amaranto nella pentola a pressione per 20 minuti con un quantitativo di acqua triplo in volume rispetto a quello del cereale; ho preparato carote, zucchine e scalogno; ho aggiunto gli odori; ed ho messo tutto in una forma in silicone che ho successivamente infornato per 30 minuti a 180 gradi.

Ebbene, il risultato di un tale impegno è stato una sbobba gelatinosa… buona di sapore ma decisamente non uno sformato.

Mi sono arrovellata per una buona oretta chiedendomi dove avessi sbagliato… ma è bastata una telefonata alla mia mamma per chiarire l’arcano: nello sformato ci vuole l’uovo per addensare, o magari il formaggio.

Peccato che la foodblogger si sia dimenticata di dirlo… sarà stato un caso, o forse dipenderà dal fatto che è americana?

Advertisements

21 thoughts on “Amaranto da incubo

  1. mmmmm…. senti, se ti scappa ancora di fare un viaggetto in una terra inospitale fammi un fischio e al ritorno ti metto a disposizione la mia casetta con annessa cucina e piscina… non sarà come il tuo mare, ma ci sono anche un paio di chitarre e un bel portico per recuperare dalle fatiche culinarie

      • Beh, basta che mi fai sapere quando passi, potrei essere disperso da qualche parte in Africa e non poterti ospitare… L’unica cosa… o mi dici cosa cucinare o vieni in uno dei giorni in cui puoi mangiare di tutto… e allora ti faccio da helper ai fornelli

      • mmmm secondo tentativo… il primo se lo è mangiato il pc…

        Beh, basta che mi avvisi, altrimenti potrei essere disperso in Africa e non potrei ospitarti. In più o mi dici cosa devo cucinare (e come) oppure passi in uno dei giorni in cui puoi mangiare di tutto, nel qual caso ti farò da assistente ai fornelli

  2. Io sono per il “è americana”, potrebbe spiegare molte cose :\ Anche se in effetti ci sono un sacco di ricette sul web in cui sono anche sbagliate le dosi…che facciano a caso?

  3. Prendi tastiera e monitor, e scrivi:
    “Gentile foodblogger (Nome_______ Cognome________)
    siamo spiacenti di informarLa che la sua ricetta “Amaranto” ha comportato la Sua esclusione dalla classifica parziale dei “più promettenti mille blogger italiani”. Tale esclusione implica la mancata partecipazione alla selezione finale che prevede un montepremi di 10.000 euro e un soggiorno di formazione a Palo Alto. Implica altresì l’esclusione dal premio i consolazione di 3.000 euro e pubblicizzazione virale gratuita del blog a carico dell’ ente promotore.

    Siamo invece orgogliosi di infomarLa del raggiungimento di un’altro importante traguardo, non meno prestigioso del primo: è stata inserita nella classifica dei “cento blog che vorrei veder cadere nell’oblio” , cui segue un anno di vilipendio gratuito sulla piattaforma Web.

    Sperando di farLe cosa gradita, Le poniamo i nostri migliori auguri.

    ———————–
    Eugenia Stronzis,

    Public Project Information SEO Manager,
    Future Success Blog Group Who Pay A Lot Of Money , S.r.l.

    Milano, Via Beata Quartina Del Grillo n.e^i
    Roma, Piazza Serbelloni Mazzanti viendalmare 3400

  4. Menomale che c’è la mamma…
    PS: io manco sapevo cosa fosse l’amaranto
    PPS: ma non è che anche tu hai mancato qualcosa? “infornato per 30 minuti a 30 gradi” mi sembra un po’… freschino!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s